Confcommercio: in estate l’economia si è fermata, gli effetti sul PIL
Blog / Economia / in Evidenza / Confcommercio: in estate l’economia si è fermata, gli effetti sul PIL
Confcommercio: in estate l’economia si è fermata, gli effetti sul PIL

Confcommercio: in estate l’economia si è fermata, gli effetti sul PIL

BlogEconomiain Evidenza

Ad agosto l’indicatore dei Consumi Confcommercio (ICC) è aumentato dello 0,4% rispetto a luglio, con variazione nulla nei confronti dello stesso mese del 2017. Per settembre l’Ufficio Studi confederale stima una variazione mensile del Pil nulla e una crescita tendenziale dello 0,6%, in forte rallentamento rispetto ai periodi precedenti.

Il temuto rallentamento dell’economia è un dato di fatto”. Così l’Ufficio Studi confederale nell’ultimo numero di “Congiuntura Confcommercio”, che non a caso stima per settembre una variazione congiunturale del Pil mensile nulla e una crescita tendenziale dello 0,6%, in forte rallentamento rispetto ai periodi precedenti. Nel complesso del terzo trimestre 2018 si stima una crescita nulla del Pil in termini congiunturali, mentre il tasso di crescita tendenziale si attesterebbe allo 0,8%.

Il consolidarsi di un quadro congiunturale sempre più incerto, in cui le prospettive a breve appaiono meno favorevoli rispetto ad alcuni mesi fa, continua a determinare da parte delle famiglie un atteggiamento molto prudente nei confronti del consumo. Ad agosto 2018 l’indicatore dei Consumi Confcommercio (ICC) ha così registrato un aumento congiunturale dello 0,4%, recuperando solo parzialmente la flessione dello 0,7% di luglio, e una variazione nulla nei confronti dello stesso mese del 2017.

Nel complesso del terzo trimestre 2018 si stima una crescita nulla del Pil in termini congiunturali, mentre il tasso di crescita tendenziale si attesterebbe allo 0,8%.

Daniele Dell'Orco
Daniele Dell'Orco

Daniele Dell’Orco è nato nel 1989. Laureato in Scienze della comunicazione presso l’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”. È direttore editoriale dei magazine online Cultora e Nazione Futura. È stato editorialista per La Voce di Romagna e dal 2015 è collaboratore del quotidiano Libero. Ha scritto “Tra Lenin e Mussolini: la storia di Nicola Bombacci” (Historica edizioni) e “Non chiamateli kamikaze“ (Giubilei Regnani). Dal 2015 è co-fondatore e responsabile dell’attività editoriale di Idrovolante Edizioni.

Commenti

Newsletter

Articoli Recenti

Il Centro Studi è un luogo d’incontro e di confronto per quanti credono nel decisivo valore dell’impegno personale, sociale e culturale una zona franca libera da vincoli e dall’imposizione dei “pensieri dominanti”.

Newsletter