La tempesta perfetta che rischia di abbattersi sull’economia USA
Blog / Economia / in Evidenza / La tempesta perfetta che rischia di abbattersi sull’economia USA
La tempesta perfetta che rischia di abbattersi sull’economia USA

La tempesta perfetta che rischia di abbattersi sull’economia USA

BlogEconomiain Evidenza

Aumento dei tassi di interesse in arrivo, dollaro pesante e guerra commerciale sono tutti fattori che possono minare la forza dell’economia Usa dalle fondamenta. Anzi, la citata guerra dei dazi potrebbe essere un fattore ancora più destabilizzante proprio perché non ufficialmente dichiarata, il che arrecherà maggiore incertezza sui mercati. Risultato: fiducia danneggiata e crollo della competitività oltre che esportazioni in pericolo.

A dirlo alla Cnbc l’economista Diane Swonk secondo cui, anche se non c’è una vera e propria guerra commerciale, l’incertezza che circonda i dazi può danneggiare l’economia statunitense a stelle e strisce. Le tariffe, insieme ad un rafforzamento del dollaro e ai tassi in crescita finiscono per minare la competitività dei produttori e di altri esportatori.

“L’economia statunitense ha un po’ di ammortizzatori, e possiamo resistere alla tempesta per un po’. Ma la tempesta si sta abbattendo e le correnti sotterranee si stanno chiaramente formando.

Il riferimento è alle tensioni commerciali tra gli Stati Uniti e il resto del mondo che sono aumentate. La Cina è stata l’obiettivo frequente del Presidente Donald Trump e la settimana scorsa, il presidente ha detto alla CNBC che è “pronto” a mettere le tariffe su tutti i 505 miliardi dollari di merci cinesi importate negli Stati Uniti. Washington ha già abolito le tariffe doganali sui 34 miliardi di dollari di prodotti cinesi. Pechino dal canto sui ha colpito indietro con tariffe di ritorsione sulla stessa quantità di beni degli Stati Uniti.

L’amministrazione Trump ha inoltre imposto tariffe sulle importazioni di acciaio e alluminio da diverse nazioni, tra cui alleati chiave come Canada, Messico e Unione Europea. L’economista Swonk ha detto che le tariffe applicate finora non sono così grandi, ma la minaccia delle tariffe mina la fiducia.

“Se domani dovessimo avere una guerra commerciale completa, che non credo avremo, allora si potrebbe vedere una recessione nel 2019 (…) Se vogliamo continuare ad avere questa incertezza, nel tempo si avrà un effetto corrosivo che si accumulerà nel 2019 con meno investimenti.

Secondo Venu Krishna, vice capo della ricerca azionaria statunitense a Barclays, le tariffe hanno un ampio impatto negativo. Le piccole impresesaranno più danneggiate, contrariamente alla credenza popolare che siano meglio protette perché sono domestiche.

“Queste società, infatti, hanno una maggiore esposizione all’esportazione e all’importazione. I loro margini sono notevolmente più deboli e quindi non sono in grado di assorbire i costi. E infine, non hanno il potere dei prezzi”.

Daniele Dell'Orco
Daniele Dell'Orco

Daniele Dell’Orco è nato nel 1989. Laureato in Scienze della comunicazione presso l’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”. È direttore editoriale dei magazine online Cultora e Nazione Futura. È stato editorialista per La Voce di Romagna e dal 2015 è collaboratore del quotidiano Libero. Ha scritto “Tra Lenin e Mussolini: la storia di Nicola Bombacci” (Historica edizioni) e “Non chiamateli kamikaze“ (Giubilei Regnani). Dal 2015 è co-fondatore e responsabile dell’attività editoriale di Idrovolante Edizioni.

Commenti

Newsletter

Articoli Recenti

Il Centro Studi è un luogo d’incontro e di confronto per quanti credono nel decisivo valore dell’impegno personale, sociale e culturale una zona franca libera da vincoli e dall’imposizione dei “pensieri dominanti”.

Newsletter