Il dollaro torna super, l’Euro frena insieme alle economie continentali
Economia / in Evidenza / Il dollaro torna super, l’Euro frena insieme alle economie continentali
Il dollaro torna super, l’Euro frena insieme alle economie continentali

Il dollaro torna super, l’Euro frena insieme alle economie continentali

Economiain Evidenza

L’euro scende sotto quota 1,17. E si riporta sugli stessi livelli di novembre. A inizio febbraio con un euro si potevano acquistare 1,25 dollari. In meno di tre mesi la divisa comunitaria ha perso quasi il 7% sul biglietto verde. Trattandosi del cambio più liquido al mondo (con scambi quotidiani superiori a 4mila miliardi) si tratta di una variazione molto profonda. Qualcuno potrebbe agevolmente trovarne la ragione nell’incertezza politica in cui versa l’Italia: ieri il presidente Sergio Mattarella ha dato al professor Giuseppe Conte l’incarico di formare un governo guidato da Lega e M5S – forze politiche con una forte accezione antisistemica – e quindi inviso agli investitori.

Ma il “caso italiano” non è l’unica molla, né la più importante, che sta facendo scivolare l’euro. Il motivo principale riguarda l’andamento dell’economia. Che sta rallentando da febbraio e sta deludendo le aspettative (non a caso l’euro perde quota da febbraio). Ieri è arrivato un altro segnale in questa direzione. A rallentare è in primis la Germania. L’indice Pmi sulle aspettative dei direttori degli acquisti delle aziende della manifattura è sceso in maggio sui minimi degli ultimi 14 mesi a 56,80 da 58,1. Gli economisti si aspettavano 57,9 punti. L’indice composito, che incorpora la componente servizi, è sui minimi degli ultimi 20 mesi. Il dato della zona euro è ancora peggiore: il Pmi aggregato è sceso più del previsto a 55,5 in maggio, minimo da febbraio 2017. Il rallentamento della crescita è evidente. La riprova arriva osservando l’indice delle sorprese economiche elaborato da Citigroup. Nell’Eurozona questo indice – che misura la percentuale di dati economici pubblicati superiori alle attese – da febbraio è sprofondato a -98%. Ciò vuol dire che negli ultimi mesi la quasi totalità dei dati è risultata inferiore alle attese.

Alla frenata economica generale si aggiunge poi un altro fattore: il super-dollaro. Da metà febbraio il biglietto verde ha guadagnato il 6,5% sulle principali divise mondiali (dollar index). E questo perché l’economia Usa continua a crescere sostenuta e con essa anche i tassi di interesse, con i titoli a 10 anni tornati sopra il 3% e quelli a 2 anni sopra il 2,5% (come nel 2008).

Daniele Dell'Orco
Daniele Dell'Orco

Daniele Dell’Orco è nato nel 1989. Laureato in Scienze della comunicazione presso l’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”. È direttore editoriale dei magazine online Cultora e Nazione Futura. È stato editorialista per La Voce di Romagna e dal 2015 è collaboratore del quotidiano Libero. Ha scritto “Tra Lenin e Mussolini: la storia di Nicola Bombacci” (Historica edizioni) e “Non chiamateli kamikaze“ (Giubilei Regnani). Dal 2015 è co-fondatore e responsabile dell’attività editoriale di Idrovolante Edizioni.

Commenti

Newsletter

Articoli Recenti

Il Centro Studi è un luogo d’incontro e di confronto per quanti credono nel decisivo valore dell’impegno personale, sociale e culturale una zona franca libera da vincoli e dall’imposizione dei “pensieri dominanti”.

Newsletter