Dopo l’anno nero dello sport italiano si può ripartire cambiando volto alle istituzioni
Attualità / Blog / in Evidenza / Dopo l’anno nero dello sport italiano si può ripartire cambiando volto alle istituzioni
Dopo l’anno nero dello sport italiano si può ripartire cambiando volto alle istituzioni

Dopo l’anno nero dello sport italiano si può ripartire cambiando volto alle istituzioni

AttualitàBlogin Evidenza

Secondo l’Istat la popolazione attiva che svolge uno o più Sport in Italia è pari a 35,5 milioni di individui: a livello europeo è, percentualmente, uno dei valori più bassi in assoluto; di questo numero solo 11 milioni sono riconducibili direttamente al CONI, solo 4,5 quelli tesserati alle FSN e di questo numero il 55% è under 18.

In generale, però, l’Organizzazione mondiale della Sanità che sottolinea come l’inattività fisica sia un fattore chiave per lo sviluppo di patologie cardiovascolari, diabete e cancro. Nonostante i tanti benefici di salute collegati al regolare svolgimento di attività fisica, secondo i dati del sistema PASSI 2017 più del 32% degli italiani è da considerare sedentario. Ci si muove sempre di meno, insomma, ed è praticamente scomparsa l’attività fisica all’aperto. E l’inattività fisica, com’è noto, incide anche sui costi diretti e indiretti dell’assistenza sanitaria dovuti al negativo impatto sulla produttività e sugli anni di vita in buona salute persi.

Per risolvere un simile problema è necessaria innanzitutto una rimodulazione delle responsabilità del Ministero dello Sport con funzioni di Governo, e una nuova identificazione delle azioni e delle competenze del CONI che, al momento, non solo non controlla la maggioranza degli sportivi ma non è in grado di intercettare gli altri e promuovere l’attività sportiva in genere per far aumentare la pratica. La cartina al tornasole di un cortocircuito che inizia dalla mancanza di organizzazione sono le prestazioni sportive agonistiche.

Il 2017 è stato l’anno nero dello sport italiano soprattutto nelle competizioni di squadra, con l’atletica che è ormai ridotta ai margini, del rugby che nonostante i finanziamenti non riesce a produrre risultati, con la nazionale maschile di calcio che non parteciperà ai prossimi mondiali. È evidente che il flop dello sport italiano inizi già dalle ore di educazione fisica, e prosegua fino ai livelli agonistici complice anche la ripartizione irrazionale delle competenze.

Daniele Dell'Orco
Daniele Dell'Orco

Daniele Dell’Orco è nato nel 1989. Laureato in Scienze della comunicazione presso l’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”. È direttore editoriale dei magazine online Cultora e Nazione Futura. È stato editorialista per La Voce di Romagna e dal 2015 è collaboratore del quotidiano Libero. Ha scritto “Tra Lenin e Mussolini: la storia di Nicola Bombacci” (Historica edizioni) e “Non chiamateli kamikaze“ (Giubilei Regnani). Dal 2015 è co-fondatore e responsabile dell’attività editoriale di Idrovolante Edizioni.

Commenti

Newsletter

Articoli Recenti

Il Centro Studi è un luogo d’incontro e di confronto per quanti credono nel decisivo valore dell’impegno personale, sociale e culturale una zona franca libera da vincoli e dall’imposizione dei “pensieri dominanti”.

Newsletter