Ma quale Buona Scuola? Una prof disperata scrive al ministro Fedeli: “Pensi a noi e non ai cellulari”
Blog / Cultura / in Evidenza / Ma quale Buona Scuola? Una prof disperata scrive al ministro Fedeli: “Pensi a noi e non ai cellulari”
Ma quale Buona Scuola? Una prof disperata scrive al ministro Fedeli: “Pensi a noi e non ai cellulari”

Ma quale Buona Scuola? Una prof disperata scrive al ministro Fedeli: “Pensi a noi e non ai cellulari”

BlogCulturain Evidenza

Altro che “Buona scuola”. A giudicare dalla lettera scritta da una professoressa al ministro della Pubblica istruzione Valeria Fedeli, diventata virale in questo ore su Facebook, lo stato d’animo del corpo docente italiano è tutt’altro che soddisfatto.

“Cara Valeria – si legge nella missiva rilanciata dal sito OggiScuola – scusa se ti do del tu ma in sala insegnanti si usa così. Volevo parlarti del cellulare, quello che sembra diventato il principale problema del sistema scolastico italiano. Se vuoi, basta chiedere e possiamo parlare anche di cose serie, ma tu vuoi parlare di cellulari e parliamo di quelli.”

Alcuni studenti, racconta la professoressa che preferisce restare anonima, “riescono a seguire l’intera seconda serie di Narcos” durante le lezioni di geografia. Certo, ammette ironica l’insegnante, il cellulare è utile perché si possono condividere materiali didattici con tutti gli studenti; peccato che poi la metà degli alunni perdano la password per accedere ai link e tutto lo sforzo fatto venga vanificato. Ma soprattutto peccato che i problemi della scuola siano ben altri.

A partire dai casi, sempre più numerosi, di genitori che diventano violenti contro gli insegnanti “rei” di sgridare i figli indisciplinati o negligenti.

“Valeria, vedi che seguiamo le linee guida – si legge nella conclusione della lettera al ministro – Va tutto benissimo. Se poi, nei venti giorni che ti restano sulla poltrona, volessi prendere atto del fatto che a scuola non si riesce più a fare niente, che spiegare non si può, dare i voti nemmeno, rimproverare è abuso dei mezzi di correzione, i genitori ce menano, gli alunni ce menano, i termosifoni si guastano (…) Ah, e se in prima elementare si potesse tornare a fare le aste, ecco. Io ripartirei da lì”.

Daniele Dell'Orco
Daniele Dell'Orco

Daniele Dell’Orco è nato nel 1989. Laureato in Scienze della comunicazione presso l’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”. È direttore editoriale dei magazine online Cultora e Nazione Futura. È stato editorialista per La Voce di Romagna e dal 2015 è collaboratore del quotidiano Libero. Ha scritto “Tra Lenin e Mussolini: la storia di Nicola Bombacci” (Historica edizioni) e “Non chiamateli kamikaze“ (Giubilei Regnani). Dal 2015 è co-fondatore e responsabile dell’attività editoriale di Idrovolante Edizioni.

Commenti

Newsletter

Articoli Recenti

Il Centro Studi è un luogo d’incontro e di confronto per quanti credono nel decisivo valore dell’impegno personale, sociale e culturale una zona franca libera da vincoli e dall’imposizione dei “pensieri dominanti”.

Newsletter