Le lenti a contatto hi-tech che tengono sotto controllo l’iperglicemia
Blog / in Evidenza / Tecnologia / Le lenti a contatto hi-tech che tengono sotto controllo l’iperglicemia
Le lenti a contatto hi-tech che tengono sotto controllo l’iperglicemia

Le lenti a contatto hi-tech che tengono sotto controllo l’iperglicemia

Blogin EvidenzaTecnologia

Un team di ricercatori dell’Ulsan National Institute of Science and Technology (UNIST), in Corea del Sud, ha messo a un punto delle lenti a contatto che sono in grado di monitorare la glicemi a (la concentrazione di glucosio nel sangue) attraverso le lacrime. L’equipe, che ha pubblicato i dettagli del proprio lavoro sulla rivista Science Advances, confida che in futuro il dispositivo possa aiutare i pazienti diabetici a tenere costantemente sotto controllo l’iperglicemia.

In sostanza, come riporta Il Giorno, si tratta di comuni lenti a contatto che contengono tre minuscole componenti principali: un sensore di glucosio, un alimentatore wireless e un display a Led che accede ai dati in tempo reale. Questi tre micro-elementi sono talmente sottili, pari a un centesimo dello spessore della lente, che non danno fastidio a chi li indossa.

Le informazioni sul livello di glucosio vengono visualizzate sul display tramite i pixel del Led. Una lucina verde che non interferisce con la vista, ma che è visibile allo specchio funziona come segnale di allarme:  quando il livello di glucosio oltrepassa i limiti di sicurezza la lucina verde si spegne.

Il team della UNIST ha sviluppato le lenti a contatto usando materiali che fossero il più possibile trasparenti e flessibili. Tra le poche componenti rigide c’è il chip del glucosio, che è incapsulato nel silicone: tuttavia le parti tecnologiche ricoprono un centesimo dello spessore delle lenti e sono posizionate in una sezione sopra l’iride, dove non interferiscono con la vista di chi le indossa. Il prototipo è stato per ora testato con successo sui conigli ma, se dovesse ottenere gli stessi risultati sugli umani, potrebbe in futuro venire impiegato per la valutazione di altri parametri di salute come la pressione arteriosa, il colesterolo, la temperatura corporea e così via. Non solo: le lenti intelligenti potrebbero anche rilasciare farmaci direttamente nell’organismo.

Alla realizzazione di lenti a contatto smart stanno lavorando, oltre a Verily, anche Samsung e Apple.

Daniele Dell'Orco
Daniele Dell'Orco

Daniele Dell’Orco è nato nel 1989. Laureato in Scienze della comunicazione presso l’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”. È direttore editoriale dei magazine online Cultora e Nazione Futura. È stato editorialista per La Voce di Romagna e dal 2015 è collaboratore del quotidiano Libero. Ha scritto “Tra Lenin e Mussolini: la storia di Nicola Bombacci” (Historica edizioni) e “Non chiamateli kamikaze“ (Giubilei Regnani). Dal 2015 è co-fondatore e responsabile dell’attività editoriale di Idrovolante Edizioni.

Commenti

Newsletter

Articoli Recenti

Il Centro Studi è un luogo d’incontro e di confronto per quanti credono nel decisivo valore dell’impegno personale, sociale e culturale una zona franca libera da vincoli e dall’imposizione dei “pensieri dominanti”.

Newsletter