Un corteo a Napoli per condannare le baby gang che emulano Gomorra
Blog / in Evidenza / Società / Un corteo a Napoli per condannare le baby gang che emulano Gomorra
Un corteo a Napoli per condannare le baby gang che emulano Gomorra

Un corteo a Napoli per condannare le baby gang che emulano Gomorra

Blogin EvidenzaSocietà

Napoli si ribella dopo le scomuniche dei procuratori antimafia come Federico Cafiero De Raho, Nicola Gratteri e Giuseppe Borrelli, che hanno accusato la fiction di proporre modelli criminali in grado di esercitare fascino sulle giovani generazioni; e soprattutto dopo la bestiale aggressione ad Arturo, il 17enne pugnalato 20 volte nella centralissima Via Foria. Pugnalato alla schiena, al torace e alla giugulare. Vivo per miracolo, ma non del tutto fuori pericolo. È ricoverato in gravi condizioni nell’ospedale San Giovanni Bosco. I medici hanno detto che se le lame, brandite da quattro giovanissimi, tuttora ricercati dalle forze dell’ordine, fossero affondate di altri due millimetri nel collo, sarebbe morto dissanguato. Così, come un animale.

E stamattina, appunto, i compagni di classe di Arturo, gli insegnanti del liceo «Cuoco», madri e genitori e i rappresentanti del mondo dell’associazionismo, del sindacato e semplice gente comune si ritroveranno in Piazza Miracoli per poi fare tappa su Piazza del Plebiscito. Una marcia contro quello che il questore di Napoli ha definito «stile di vita gomorroide».

Un corteo per accendere un faro sul fenomeno delle baby gang e dei criminali minorenni che sono diventati il vero allarme sociale in una città dove i vecchi clan hanno lasciato il posto a schegge impazzite. Ed è proprio la fiction Sky sceneggiata da Roberto Saviano la grande accusata di questa degenerazione. In una riunione del comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica se n’è addirittura parlato tra forze dell’ordine e investigatori. Dopo le puntate, aumentano le «stese» nei vicoli della città, aumentano le sparatorie tra i passanti.

Daniele Dell'Orco
Daniele Dell'Orco

Daniele Dell’Orco è nato nel 1989. Laureato in Scienze della comunicazione presso l’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”. È direttore editoriale dei magazine online Cultora e Nazione Futura. È stato editorialista per La Voce di Romagna e dal 2015 è collaboratore del quotidiano Libero. Ha scritto “Tra Lenin e Mussolini: la storia di Nicola Bombacci” (Historica edizioni) e “Non chiamateli kamikaze“ (Giubilei Regnani). Dal 2015 è co-fondatore e responsabile dell’attività editoriale di Idrovolante Edizioni.

Commenti

Newsletter

Articoli Recenti

Il Centro Studi è un luogo d’incontro e di confronto per quanti credono nel decisivo valore dell’impegno personale, sociale e culturale una zona franca libera da vincoli e dall’imposizione dei “pensieri dominanti”.

Newsletter