Il linguaggio di genere che reprime le identità: il metrò di New York abolisce il “ladies and gentlemen”
Attualità / Blog / in Evidenza / Il linguaggio di genere che reprime le identità: il metrò di New York abolisce il “ladies and gentlemen”
Il linguaggio di genere che reprime le identità: il metrò di New York abolisce il “ladies and gentlemen”

Il linguaggio di genere che reprime le identità: il metrò di New York abolisce il “ladies and gentlemen”

AttualitàBlogin Evidenza

Gli annunci fatti su metro e autobus newyorkesi stanno per cambiare radicalmente, per sempre. Secondo quando annunciato dalla Metropolitan Transport Authority (MTA), infatti, lo storico “ladies and gentlemen” verrà sostituito con una più neutra dicitura che non menziona alcun genere. Il tutto per non discriminare quanti non si riconoscono nel sesso di nascita. La MTA consiglia quindi al proprio personale di appellarsi ai viaggiatori con un più generico “passeggeri”, oppure con espressioni quali “tutti”, “chiunque” ecc. Anche i messaggi preregistrati verranno opportunamente modificati per adattarsi alle nuove norme.

Questi cambiamenti sarebbero parte di una politica di comunicazione più ampia, volta a migliorare il rapporto coi clienti/viaggiatori. Come se livellando il linguaggio abbandonando il particolare per il generico, o addirittura omettendo intere espressioni, possa in qualche modo facilitare la fruibilità dei servizi e salvaguardare i rapporti con le minoranze. Si tratta dell’ennesima iniziativa che manipola la lingua a scopo politico, azzerando così il primo grande segno d’identità dei popoli: l’idioma.

Nella Grande Mela, poi, il metrò rappresenta una delle prime manifestazioni di disparità sociale. Fredda d’inverno e torrida d’estate, sporca, insicura, la metropolitana è un mezzo di trasporto che costringe ogni giorno milioni di persone comuni, turisti e pendolari, a un vero e proprio calvario, derivante dal fatto che la stragrande maggioranza di loro non potrebbe permettersi alcun mezzo di trasporto alternativo visti i costi e l’estensione di New York.

Metropolitana e bus di New York, a ogni modo, arrivano secondi a quelli di Londra, che già nel luglio 2017 avevano abbandonato il “ladies and gentlemen” per un più generico “good morning/afternoon”.

Daniele Dell'Orco
Daniele Dell'Orco

Daniele Dell’Orco è nato nel 1989. Laureato in Scienze della comunicazione presso l’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”. È direttore editoriale dei magazine online Cultora e Nazione Futura. È stato editorialista per La Voce di Romagna e dal 2015 è collaboratore del quotidiano Libero. Ha scritto “Tra Lenin e Mussolini: la storia di Nicola Bombacci” (Historica edizioni) e “Non chiamateli kamikaze“ (Giubilei Regnani). Dal 2015 è co-fondatore e responsabile dell’attività editoriale di Idrovolante Edizioni.

Commenti

Newsletter

Articoli Recenti

Il Centro Studi è un luogo d’incontro e di confronto per quanti credono nel decisivo valore dell’impegno personale, sociale e culturale una zona franca libera da vincoli e dall’imposizione dei “pensieri dominanti”.

Newsletter