Nasce Il Nuovo Liberale: una piattaforma di confronto libero, indipendente e controcorrente
Blog / in Evidenza / Nasce Il Nuovo Liberale: una piattaforma di confronto libero, indipendente e controcorrente
Nasce Il Nuovo Liberale: una piattaforma di confronto libero, indipendente e controcorrente

Nasce Il Nuovo Liberale: una piattaforma di confronto libero, indipendente e controcorrente

Blogin Evidenza

Sono trascorsi poco più di sette mesi dalla fondazione del Centro Studi del Pensiero Liberale. Mesi intensi, in cui abbiamo strutturato la nostra associazione su tutto il territorio nazionale con oltre 100 responsabili locali e tecnici, abbiamo realizzato le prime proposte che metteremo a disposizione delle istituzioni su temi chiave come Flat Tax, sviluppo economico e famiglia, abbiamo realizzato eventi, abbiamo stretto accordi di collaborazione con altre organizzazioni e associazioni.

Siamo ormai una piccola comunità che cresce ogni giorno, che con passione civile, competenza e un pizzico di follia, è convinta di poter dare un contributo di proposte, progetti e contenuti per costruire un Paese migliore, perché i prossimi anni saranno fondamentali per stabilire se l’Italia continuerà ad essere un Paese in cui i nostri figli potranno realizzare i propri sogni.

Oggi si aggiunge un altro tassello importante alla nostra associazione con la nascita del quotidiano on line “Il Nuovo Liberale”. Il Centro Studi del Pensiero Liberale vuole comunicare non solo attraverso i canali digital e social, ma anche con un vero e proprio magazine nel quale troveranno spazio approfondimenti sulle notizie più importanti di attualità, punti di vista non convenzionali, idee controcorrente, con la possibilità di interagire e discutere. Il tratto comune di tutto quello che scriveremo sul quotidiano sarà lo spirito liberale: cosa significa? Quando gli venne fatta questa domanda, il Prof. Antonio Martino rispose così alcuni anni fa: “Essere liberale oggi significa saper essere conservatore, quando si tratta di difendere libertà già acquisite, e radicale, quando si tratta di conquistare spazi di libertà ancora negati. Reazionario per recuperare libertà che sono andate smarrite, rivoluzionario quando la conquista della libertà non lascia spazio ad altrettante alternative. E progressista sempre, perché senza libertà non c’è progresso.”

Mi riconosco appieno in queste parole e spero che il termine “nuovo” nel nome del nostro quotidiano significhi che sapremo ogni giorno rinnovare e declinare il concetto di liberale, per dare al nostro amato Paese un punto di vista utile per difendere la libertà di essere, di pensare e di agire.

Mai come oggi dobbiamo ristabilire i valori liberali che sono il fondamento della nostra società: Libertà di intraprendere; Spirito costruttivo e non di protesta; Premiare il merito e il talento; Eguaglianza delle opportunità; Limitazione dei poteri governativi alla sola imposizione di norme generali di condotta lecita; Concorrenza di mercato; Semplicità ed equità nel rapporto con le istituzioni; Valorizzazione dell’identità italiana nell’Unione Europea.

Mai come oggi dobbiamo portare avanti le riforme che permetteranno al nostro Paese di ripartire.

Questo è lo scopo del Centro Studi del Pensiero Liberale: fare proposte, comunicare e aggregare, scegliere persone meritevoli e di talento per arrivare ad essere la piattaforma di riferimento per tutti i liberali in Italia.

“Il Nuovo Liberale” sarà la voce del nostro Spirito Liberale.

Francesco Ferri
Francesco Ferri

Sono un imprenditore di prima generazione, nel 2003 insieme a tre giovanissimi imprenditori ho co-fondato Innext, società di Consulenza strategica e di Business Innovation Premier Partner di Google Cloud.mCredo nell’associazionismo fin dai tempi del liceo e dal 2014 al 2017 sono stato Vice Presidente nazionale dei Giovani Imprenditori di Confindustria. Ho studiato all’Università Bocconi, dove ricopro il ruolo di responsabile del “Topic Entrepreneurship” degli Alumni.

Commenti

Newsletter

Articoli Recenti

Il Centro Studi è un luogo d’incontro e di confronto per quanti credono nel decisivo valore dell’impegno personale, sociale e culturale una zona franca libera da vincoli e dall’imposizione dei “pensieri dominanti”.

Newsletter